Sardegna Clima Onlus

Switch to desktop

Molti parametri giocano a favore di un'intensa fenomenologia notturna

Da molti poco considerato o catalogato come non degno di particolare nota , il peggioramento della serata-nottata di oggi, tuttavia, è supportato da condizioni favorevoli all'insorgere di intensa attività convettiva. Qui di seguito cercherò di elencarli e spiegare quale può essere la loro influenza.

Ingresso di aria fredda nel comparto occidentale del Mediterraneo con attivazione, di risposta, di un piccolo minimo di bassa pressione tra Algeria e Tunisia che nella nottata attraverserà il canale di Sardegna. In nottata è atteso l'approfondimento sino a 1008mbar e localizzazione a sud ovest dell'isola.

Tale minimo disporrà le correnti al suolo da scirocco, con notevole avvezione di umidità e calore

Presenza di un potente strato, in prossimità del suolo, dello spessore di alcune centinaia di metri, di aria caldo-umida prodotto dagli impulsi sciroccali dei giorni scorsi che al passaggio frontale verrà inevitabilmente portato a condensazione e sarà quindi un importante serbatoio di calore latente. Tale strato è facilmente individuabile dall'analisi dei radiosondaggi, con un valore di precipitable water che da alcuni giorni si mantiene costante oltre i 30mm. Valore davvero ragguardevole, indice di aria prossima alla saturazione e instabile come dimostra il temporale di sabato notte ( prefrontale indotto da forte gradiente termico tra la Sardegna e i settori occidentali della penisola iberica ) generatosi per lievi disturbi ma piuttosto intenso in prossimità della costa.

Tale serbatoio caldo umido verrà sollevato dal passaggio di un piccolo fronte freddo, annesso alla suddetta depressione. Tale fronte sarà il motore generale per liberare l'instabilità potenziale presente nei strati prossimi al suolo, ma per il momento bloccata da una, normale nelle avvezioni calde, inversione termica.

Presenza di wind shear verticale positivo, con circolazione al suolo da  scirocco, sud a 850hPa, sud sud ovest a 700hPa e sud ovest pieno a 500hPa.

Cape e Lifted index notevoli ( si richiama ad un'analisi del radiosondaggio che verrà effettuata nella notte per i valori più dettagliati ).

Presenza di una low level jet a 850hPa da sud, che incentiverà notevolmente lo shear verticale in velocità.

Avvezione di vorticità a 500hPa.

Passaggio nella notte del core della corrente a getto a sud della Sardegna, dove invece a 300hPa le isoipse tendono ad aprirsi. Verrà dunque a meno la forza di gradiente e prevarrà quella deviante di coriolis. Si avrà quindi  di conseguenza divergenza in quota che sarà supportata, per far fronte a tale deficit, da moti ascensionali dalle quote più basse ( convergenza ).

Notevole avvezione di umidità specifica alla quota di 700hPa.

In definitiva, credo che la situazione della nottata vada monitorata con attenzione per il possibile sviluppo di importanti celle ( in possibile evoluzione a MCC come spesso accade in occasione di depressioni africane foriere di notevoli quantitativi di umidità ) tra il canale di Sardegna e la terraferma specie i settori meridionali, settori che i lam al momento vedono saltati o poco coinvolti dalla fenomenologia intensa ma che invece, stando ai parametri appena analizzati e alla sinottica in formazione per la serata, potrebbero risultare in prima linea.

 

Sardegna Clima Onlus - Cod. Fisc. 93040750916 - Sede Legale: Via S.Satta 1 - 08023 Fonni (NU) - Contatti: E-mail. info "at" sardegna-clima.it

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookie tecnici per rendere la vostra navigazione più facile ed intuitiva.

I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.