Alluvione del 24 Settembre in Gallura. Alluvione lampo oppure no?

Sicuramente un fenomeno intenso quello che si è abbattuto il 24 Settembre 2009 sulla Gallura, ma classificarlo come alluvione lampo pare una esagerazione. La pioggia è caduta in 24 ore raggiungendo i 250-300 mm di picco, sicuramente un fenomeno molto intenso, ma ha seguito il classico schema delle piogge da scirocco, con varie celle che si susseguono in continuazione. Nelle alluvioni lampo, solitamente esiste una unica cella stazionaria, che in massimo 6 ore scarica 400-500 mm.

Il 27 novembre 2008 c’è stata l’ultima alluvione lampo in Sardegna, ha interessato zone disabitate del Supramonte di Baunei. Gli unici dati meteo che abbiamo, parlano di 276 mm caduti a Orosei in 6 ore e 187 mm a Siniscola (che non sono state interessate dalla parte più intensa della cella). Giunge voce però della piena di un fiume, sopra Cala Sinine, che scorreva sotto una pietraia ricoperta di muschi e bosco, risalente probabilmente al 1951. Questa piena ha smosso la pietraia e sradicato gran parte degli alberi di leccio vicini. Simili fenomeni sono prodotti da quantitativi di 400-500 mm in poche ore, il tutto confermato dalle immagini radar, che posizionavano nella zona il nucleo più intenso del temporale.

Le altre alluvioni lampo degli ultimi 10 anni, sono quelle del 6 dicembre 2004 (Villagrande), del 22 ottobre 2008 (Capoterra), del 12 Novembre 1999 (Uta) e la meno intensa del 4 Novembre 2008 (Medio Campidano).

Mentre tra le alluvioni più intense, date da fenomeni da stau per correnti orientali, troviamo i casi del 28 Febbraio 2003 a Villasalto con 215 mm, in una mattina. Le piogge del 30 gennaio 2006, con 330 mm a Villanova Strisaili, 303 mm a Dorgali e 191 mm a Orgosolo. Del 5 Aprile 2005 a Capoterra, con 150 mm in 24 ore registrati a Poggio dei Pini. Oltre ad altri numerosi casi di 100-150 mm in un giorno.

 Ecco qualche fotografia fatta il 25 Settembre, nella zona di Padru, dopo la piena di un torrente:

 

   

 
 
Situazione critica in Gallura, la zona più colpita dalle piogge in Sardegna. I dati della stazione di Padru, parlano di oltre 300 mm caduti tra ieri e oggi e 250 mm caduti nella sola giornata del 24. Le piogge abbondanti sono dovute alle correnti di levante presenti in quota nella zona, che permettono la continua nascita di celle temporalesche lungo la Costa, da svariate ore.

In situazioni simili del passato la stazione meteo dell’arpas di Siniscola ha fornito dati di oltre 150 mm in un solo giorno, probabilmente oggi potrebbe persino superare tale quantitativo.

 

Con tali quantitativi di acqua in poche ore i fiumi della zona sono sicuramente in piena, anche se il tratto montano tra Siniscola e Olbia è abituato a ricevere piogge molto intense.

 

Temporali anche nel sud Sardegna, ma nel meridionale dell’isola si parla di quantitativi di pioggia ben più bassi di quelli Galluresi. Attorno a Cagliari le piogge di ieri e della notte hanno portato accumuli tra i 20 e i 40 mm, abbondanti ma non al momento preoccupanti. Situazione un po’ diversa verso Pula, dove si sta scaricando un temporale da qualche ora.

 

Per consultare i dati meteo in diretta STAZIONI METEO DELLA SARDEGNA

 

La fotografia è stata fatta a Biasì, frazione di Padru, pochi minuti fa.

 

Leave a Reply