Dopo il 23 luglio la Sardegna si tinge di nero

Tramite l’ausilio delle immagini satellitari TERRA-MODIS (250m di risoluzione) riprese dallo spazio durante gli incendi, cerchiamo di fare una stima delle aree interessate dai grossi roghi di ieri 23 luglio 2009, in cui hanno perso la vita 2 persone. La particolare composizione di colori e bande spettral tra il visibile e l’infrarosso termico ci permette pure di evidenziare i fronti del fuoco.

Le stime da satellite parlano di oltre 25000 ettari andati in fumo in una sola giornata. Di particolare gravità il focolaio sviluppatosi nel Monte Arci, che ha interessato una zona boschiva molto importante e la cui lingua di fumo era visibile ieri sera oltre Tirreno fino a Roma. Oggi grossi roghi pure nei monti del Cagliaritano.

 

 

 

L’immagine successiva rappresenta invece la situazione questa mattina. Si nota come le aree bruciate siano notevolmente più ingenti, una situazione che pare avere una tragica e funesta ricorrenza a fine Luglio (ricordiamo il 28 Luglio 1983 e il 23 Luglio 2007).

 

 

Leave a Reply