Fiammata calda poi break perturbato

fiamma

fiammaSuperata la parentesi fresca e sostanzialmente asciutta indotta dal minimo depressionario balcanico, come atteso ed anticipato, dall’analisi degli indici teleconnettivi di inizio mese, la prima fiammata calda stagionale è in procinto di interessare la nostra isola.

Il pattern meteorologico, o weather regime, è molto simile a quello che caratterizza le impennate termiche estive: affondo del ramo settentrionale del getto polare in sede basso atlantico orientale – iberica con annessa ciclogenesi e richiamo caldo sub tropicale che, dal Mediterraneo, si estende fino all’Europa centrale. Già dalle prossime ore le termiche sono attese in forte risalita a tutte le quote sulla nostra isola. Nel corso della settimana, alla quota isobarica di 850hPa è atteso l’ingresso di isoterme fino a qualche grado superiori ai 20°C. Tale richiamo caldo sarà accompagnato da una ventilazione sud orientale sostenuta pertanto sulla Sardegna i valori di temperatura maggiori si registreranno sui settori occidentali, specialmente oristanese e sassarese dove da metà settimana le temperature massime potrebbero raggiungere e superare i 30°C. Valori costantemente inferiori sulla Sardegna meridionale ed orientale dove le massime non andranno mai oltre i 24°C/26°C, tuttavia con un elevato tasso di umidità.

fiamma

Il richiamo caldo prefrontale avrà una durata di circa 4 giorni e l’evoluzione della falla iberica verso levante favorirà tra venerdi 23 e sabato 24 l’ingresso del fronte freddo verso la nostra isola con condizioni meteo in peggioramento. Per ulteriori dettagli vi richiamiamo ai prossimi aggiornamenti.

Leave a Reply