Rapporto climatico di Luglio sulla Sardegna.

Una estate caldissima quella del 2009 secondo quanto emerge dai rapporti climatici del principale centro di monitoraggio climatico italiano, il CNR.

Una persistenza del caldo senza interruzioni, aggravata dalla assenza di venti e da un mare che ha raggiunto, nel suo strato superficiale la temperatura di +27°C.

Con un mare così caldo le brezze hanno portato una sensazione di afa costante lungo le coste, particolarmente fastidiosa per la popolazione e aggravata dalla costante assenza di venti intensi di maestrale, che permettessero un rimescolamento delle acque.

Il rapporto del CNR sul mese di Luglio 2009 parla di una anomalia di oltre 2°C sul sud Sardegna (valore più alto in Italia) e di una anomalia di oltre +1°C, sul valore medio, nel nord Sardegna.

Scendendo nei dettagli ed esaminando le anomalie per le temperature massime, notiamo un luglio con anomalia di oltre 3°C, sul centro e sud Sardegna e di appena 1°C sopra media nell’estremo nord est dell’isola. Un po’ meglio nei valori minimi, dove la anomalia è di meno di 1°C oltre la media nel nord e di 1.5°C nel sud Sardegna.

 

Da ricordare la bollente 3° decade di Luglio con il superamento di alcuni record e il superamento dei +45°C in varie parti della Sardegna interna, nei giorni 22 e 23 luglio.

 

Agosto non è andato certamente meglio, con una quasi costante presenza di correnti di scirocco e con venti di brezza deboli, per il ridotto divario termico tra mare e terra. Tuttavia per il mese di agosto non è ancora presente un riepilogo mensile da enti ufficiali.

 

Per la Sardegna si tratta di una estate bollente, non troppo lontana dai valori raggiunti nell’isola nel 2003. La differenza con il 2003 è soprattutto a livello nazionale, dove luglio 2009 presenta una anomalia media di +1.46°C, contro i +3.13°C del luglio 2003.

Leave a Reply