Reportage piene dei fiumi sardi

Dopo un mese di Febbraio molto piovoso per il sud dell’isola, a causa di correnti sud occidentali, dal 15 di Marzo la Sardegna è entrata all’interno di una vasta circolazione depressionaria nord Africana. Le correnti miti che interessano la Sardegna da ormai oltre 10 giorni provengono direttamente dalle coste Marocchine, convogliate poi da sud est a causa della rotazione antioraria del minimo di pressione. 

In diverse località della costa orientale e localmente sulle cime dei rilievi del Sulcis, gli accumuli registrati tra la giornata del 24 e quella del 25 Marzo, hanno superato i 100 mm. Localmente si sono raggiunti i 170 mm come a Is Cannoneris, 159 mm a Punta Tricoli Gairo, 150 mm a Genna Silana e Tertenia. Le piogge hanno portato piene diffuse dei maggiori corsi d’acqua, ma hanno anche decretato la fine della siccità che da ben 3 anni affligge l’ogliastra, a causa del dominio inconstrastato di correnti occidentali avutosi da troppo tempo ormai. 

Lasciamo parlare le fotografie fatte oggi dai nostri lettori:

 

Ulassai (Su Marmuri Tessitura Artigiana)

 

Argine Rio Pula (Alessandro Palermo)

 

 

Rio San Girolamo Capoterra (Barbara Cocco Osana)

 

Flumendosa San Vito (Enrico Agus)

 

 

 Rio Santa Lucia tra Capoterra e Uta (Andrea Murgia)

 

 

 

 

Leave a Reply