Temporali odierni. Tra dati e curiosità storiche

Un altra giornata temporalesca anche quest’oggi, che porta ancora dati notevoli sulla Sardegna. Purtroppo gli accumuli pluviometrici risultano estremamente localizzati, come sempre accade con questo tipo di fenomenologia. Sono diverse le stazioni che oggi hanno fornito dati notevoli e tutti registrati in appena 1 ora o poco più di precipitazioni, con conseguenti disagi.

 

Una è quella di Capoterra paese, interna alla rete Sardegna Clima, che ci fornisce un dato di 39 mm registrati in meno di un ora, dato simile a quello rilevato nella giornata di ieri dall’Arpas a Villa San Pietro (49 mm). Dalle serie storiche di Capoterra, emergono diversi dati attorno ai 10-20 mm, durante il trimestre estivo (Giu-Lug-Ago). Alleghiamo invece i soli valori estremi, registrati dal 1922 al 2009 dalla stazione meteorologica dell’ente idrografico.

50 mm 15 Giugno 1930

50 mm 14 Agosto 1936

72 mm 25 Agosto 1936

86 mm 8 Giugno 1953

43 mm 29 Agosto 1984

 

 

La seconda è Ballao, che per la seconda volta quest’anno, fornisce un dato notevole di ben 76 mm. Esaminando rapidamente la serie storica fornita dall’ente idrografico, per il trimestre estivo Giugno-Luglio-Agosto dal 1922 al 2009 (pur con alcuni anni mancanti), notiamo come il dato di oggi sia il più alto mai rilevato durate un temporale estivo.

 

43 mm 23 Luglio 1952

45 mm 20 Agosto 1959

51 mm 30 Luglio 1963

69 mm 2 Agosto 1963

50 mm 3 Agosto 1990

71 mm 19 Agosto 1997

72 mm 31 Agosto 2002

 

Valori notevoli anche a Tonara 36.8 mm, Ovodda 37.8, Seui con 30 mm, Sinnai 23 mm, per la rete Sardegna Clima. Orani 50 mm, Escalaplano 41 mm, Is Cannoneris 42 mm, Campuomu 43 mm per la rete dell’idrografico.

 

Mostriamo anche il notevole raffreddamento avuto nelle zone interessate da fenomeni temporaleschi e gli accumuli rilevati dalle stazioni meteorologiche della rete amatoriale, interpolate in tempo reale nel nostro centro di calcolo. LINK PIOGGELINK TEMPERATURE

 

 

 

Un altra curiosità che vogliamo segnalare, è il modo in cui questo tipo di fenomenologia (estremamente isolata e violenta) viene vista dai modelli di previsione. Quella che alleghiamo è una previsione per la giornata di Venerdì 24 Luglio 2015, disponibile già da questa mattina, proveniente dal nostro modello di calcolo. Notiamo immediatamente come la risoluzione del modello, sempre più spinta, sia fondamentale nel simulare nel miglior modo possibile il comportamento dei futuri temporali.

 

Leave a Reply