Week end freddo ed instabile

arr

arrLo avevamo anticipato qualche giorno fa, grazie all’analisi del previsto andamento dei preminenti indici teleconnettivi,   e progressivamente sono arrivate ulteriori conferme modellistiche: il week end entrante e la prima parte della prossima settimana assumeranno connotati tipicamente invernali.

L’impianto barico atteso sarà molto simile a quello che ha caratterizzato l’ultima decade di gennaio. Si tratterà di un weather regime di tipo ATH-EUL, nella quale però l’alta pressione delle Azzorre non si spingerà verso latitudini artiche e veicolerà nel Mediterraneo aria polare marittima, decisamente meno fredda di quella artica ma più umida ed instabile. Tra le isole britanniche ed il Mediterraneo si aprirà un corridoio di correnti più fredde che rimarrà attivo almeno fino ai primi giorni della prossima settimana.

Nella giornata di domani la forte jet streaks in ingresso sul Mediterraneo occidentale favorirà l’approfondimento di una ciclogenesi sottovento alla catena alpina,  sul comparto ligure, alla quale sarà associato un moderato-forte gradiente barico orizzontale. E’ atteso pertanto un progressivo peggioramento delle condizioni meteo, specialmente dal pomeriggio, con graduale rinforzo della circolazione occidentale che si accentuerà ulteriormente nel corso delle ore notturne con raffiche di maestrale che raggiungeranno i 60km/h-70km/h. Per quanto riguarda le precipitazioni, nella serata di domani è atteso il transito di un fronte freddo che investirà la nostra isola da nord a sud. Piogge diffuse, accompagnate da raffiche di maestrale, con accumuli maggiori sui settori occidentali dell’isola e nuorese dove localmente si potranno raggiungere i 50mm in 12 ore. Con l’ingresso del fronte freddo, lo zero termico scenderà di quota, portandosi sulla Sardegna centrale fino a 1200 metri nelle ore notturne. Di conseguenza la quota neve scenderà progressivamente fino a raggiungere localmente i 900 metri.

La giornata di sabato, primo giorno di primavera meteorologica, sarà caratterizzata prevalentemente dai forti venti di maestrale che inibiranno l’escursione termica e renderanno maggiore la sensazione di freddo. Sulla nostra isola transiteranno linee di instabilità, con rovesci che saranno più insistenti sulle aree esposte alla circolazione di maestrale. Quota neve in ulteriore calo, complice l’ingresso di isoterme negative (-1°C ad 850hPa) a circa 1400 metri. Le nevicate potrebbero quindi raggiungere 700/800 metri di quota. Progressivo miglioramento, e calo termico al suolo, atteso nelle ore serali e notturne.

Nella giornata di domenica registreremo un generale miglioramento delle condizioni atmosferiche, anche se continueranno a soffiare moderati-forti venti di maestrale, e le temperature massime conosceranno un nuovo temporaneo aumento, con valori fino a 15°C, specialmente sulle coste orientali in attesa di un peggioramento e calo termico, sulla falsa riga di quello imminente, atteso tra lunedì notte e mercoledì.

Leave a Reply